Microsoft ha creato un vero e proprio hub per il lavoro in team, integrando e sostituendo in toto Skype For Business, con moltissime nuove funzionalità utili: la società lo definisce un “chatbased workspace“.
È disponibile in versione desktop, web app e su come app su Apple iOS e Android ed ovviamente di integra al meglio con gli applicativi di Office365.

Microsoft Teams, come anticipato, prende il posto di Skype For Business, integrando tutte le funzioni di cui disponeva: chat singole e di gruppo, possibilità di fare videochiamate ed eventi live (fino a 250 partecipanti) oltre che trasferire file. La chat integra persino una funzione di traduzione da altre lingue.

Si tratta però di qualcosa di completamente nuovo, considerato il gran numero di nuove funzionalità che mette a disposizione.

Per prima cosa, è possibile creare dei team di lavoro aggiungendo persone ai gruppi, sia per progetti per unit aziendali: ogni team così creato dispone di una propria “area” in cui è possibile chattare, condividere files come se fossero su una share di rete oltre che lavorare a quattro mani sui documenti; inoltre, ogni gruppo può creare ed aggiornare un DB di knowledge in modo da condividere in tempo reale l’esperienza di progetto. L’integrazione con OneNote permette anche di creare dei blocchi appunti condivisi.

Le funzionalità per la pianificazione dei progetti permettono di assegnare task a specifici membri di un gruppo, verificando quelli completati e quelli ancora in corso d’opera.

Microsoft Teams integra anche un calendario che permette di creare non solo appuntamenti ma anche eventi live, che possono anche essere registrati e salvati direttamente dall’applicativo.
In tema di videoconference, Microsoft Teams integra i servizi di cloud video interop per supportare le riunioni dei team con i sistemi VTC esistenti (Pexip, Polycom e Blue Jeans). 

Molta attenzione è stata posta anche sul tema della sicurezza: il pannello di amministrazione per l’IT management permette di tenere sotto controllo tutte le azioni svolte all’interno di Microsoft Teams dagli utenti, limitandole se necessario tramite l’utilizzo di policy dedicate; sempre a livello di sicurezza, è possibile bloccare gli accessi esterni o monitorare gli accessi come “guest” quando, ad esempio, si ha a che fare con collaboratori esterni o fornitori.

Ultimo punto, in fase di migrazione da Skype For Business a Microsoft Teams, quest’ultimo garantisce la compatibilità con il precedente applicativo per facilitare il passaggio. Per quanto riguarda l’usabilità, l’applicativo è davvero intuitivo: basterà un breve corso introduttivo di poche ore per essere subito confidenti nell’utilizzo.

È quindi chiaro che Microsoft Teams nasce dall’esigenza aziendale di avere un unico strumento per gestire progetti, comunicare in modo efficace e organizzare team di lavoro: sicuramente, riesce a farlo in modo davvero utile, creando un valore aggiunto nella collaborazione.

Lascia un commento

Chiudi il menu
pop-up-business-academy

business Academy

Potenzia il tuo team di lavoro e rendilo più produttivo.

icona-cookie-banner-r2be

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.