Se pensiamo ad un’azienda come ad un collettivo di persone che si mettono in gioco (ognuno sfruttando il proprio talento e le proprie attitudini) per raggiungere un risultato comune, ovviamente significa che ogni membro del team deve impegnarsi e dare il meglio di sé, ma per poterlo fare con continuità e convinzione ognuno ha bisogno di un obbiettivo e, sicuramente, di sopporto dagli altri colleghi.

Quindi, per rendere tutto questo possibile, il primo passo è l’approccio collaborativo: gestire bene le relazioni interpersonali e sapersi coordinare con gli altri è sempre un vantaggio da entrambe le parti e di conseguenza per tutto il team di lavoro.

L’altra cosa fondamentale, come accennato, è avere un obbiettivo comune, trasmesso in maniera efficace al gruppo di colleghi, coordinato da una persona di riferimento che sappia gestire le risorse e accertarsi che tutte vengano coinvolte e gratificate: il team leader, una figura che sempre più spesso la aziende cercano di pari passo con la necessità di vincere sfide che si fanno ogni giorno più complesse.

Il delicato compito di un team leader è motivarepianificareorganizzarecoordinare e, quando possibile, delegare; deve saper trasmettere la vision dell’azienda – tutti devono avere chiaro in mente qual è l’obiettivo ultimo che si intende centrare – ed individuare i punti di forza di ogni risorsa, in modo da assegnarle i giusti compiti. E cosa non secondaria, deve tentare di mantenere sempre alto il morale del gruppo, cercando di appianare le conflittualità che fatalmente si innescheranno.

Ecco perché sempre più aziende si occupano di “team building” e scommettono su tutta una serie di attività – formative e ludiche – tese a costruire un gruppo coeso e motivato: per usare una metafora calcistica, il gol più bello sarà quello messo in rete a conclusione di un’azione ben architettata!

Oltre a migliorare l’efficacia dell’organizzazione il team working permette una distribuzione equa del lavoro; ciò consente di svolgere il lavoro entro i termini di tempo prefissati, sempre con il supporto di un valido coordinatore.

Sicuramente, il successo di un progetto dipende in primissima battura dall’abilità di un imprenditore che intende costruire una squadra affiatata e perfettamente ‘funzionante’ nel riuscire ad individuare le persone giuste, a motivarle e a renderle un’entità unica che condivide una finalità ben precisa.

Lascia un commento

Chiudi il menu
icona-cookie-banner-r2be

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.